Lo straordinario Urlo dei Venti con il record della corsa e della pista riscrive in 1.10.5 la storia

Il freddo pungente, domenica 2 dicembre 2018 al Visarno, non ha ostacolato l'esito tecnico dello spettacolare convegno di trotto allestito con la massima cura dalla Sanfelice degli appassionati Cesare, Laura e Carlo Meli. Nel 72° Gran Premio Duomo, il prestigioso Gruppo 1 sui 1600 metri dotato di 154.000 euro famoso in Europa e nel Mondo per la serie infinita di record siglati da leggendari cavalli ed uomini di questa disciplina nel corso del suo lungo percorso, ha avuto come assoluto protagonista il 5 anni Urlo dei Venti, allievo di Enrico Bellei, da considerare fra i piu' forti trottatori di 5 anni del Vecchio Continente. Oggi questo trottatore guidato impeccabilmente da Antonio Greppi, fiorentino purosangue, ha firmato un successo importantissimo per i colori del proprietario ed allevatore Stefano Simonelli , riscrivendo la Storia del Duomo, grazie ad un eccellente misura cronometrica di 1.10.5, che demolisce il precedente primato della corsa di 1.11.4 di ben 9 decimi ed al tempo stesso stabilisce il record della pista del Visarno giunta al sesto anno di età. In partenza Urlo dei Venti scattava al comando in 1.12.6 davanti a Santiago d'Ete, che precedeva Peace of Mind, Arazi Boko e Uragano Trebì, imprimendo un ritmo mozzafiato alla corsa, 26.7 il primo quarto di gara, seguito da un secondo in 28.8. Completamente in mano al suo driver il leader superava il km in un magistrale 1.10.4, mentre Uragano Trebì provava ad avventurarsi per linee esterne. Urlo dei Venti, con la coda al vento,sparava parziali incontenibili per chiunque, dapprima un 13.9, 1 poi un 14.3 per la curva ed in dirittura d'arrivo il figlio di Mago d'Amore concludeva con una frazione in 14.2, vincendo in un complessivo 1.52.8, da 1.10.5, crono mai registrato a Firenze. Santiago d'Ete in 1.10.8 si piazzava al secondo posto in un ragguardevole 1.10.8 con Santo Mollo dinnanzi al forte Uragano Trebì,1.10.8 con Roberto Vecchione e l'ottima Ua Huka, 1.10.9 con Renè Legati. Incredibile pensare che lo svedese di Leonardo Cecchi, Arazi Boko pur trottando in 1.10.9 sul miglio si è dovuto accontentare di un marginale quinto posto. Questa edizione 2018 del Duomo resterà per molto tempo nella memoria dei fortunati presenti all'ippodromo del Visarno.


15.25 - Pr. GRAN PREMIO DUOMO - GR 1 - E 154.000 - mt 1600 - Trio


1° 4 - URLO DEI VENTI - A.Greppi - 10.5
2° 1 - SANTIAGO D'ETE - Santo Mollo - 10.8
3° 3 - URAGANO TREBI - ' R.Vecchione - 10.8
4° 8 - UA HUKA C - Rene' Legati - 10.9
5° 5 - ARAZI BOKO D - A.Gocciadoro - 10.9
6° 9 - TOBIAS DEL RONCO - A.Di Nardo - 13.1
2 - PEACE OF MIND D - Fed.Esposito - R.P.
6 - SATANASSO FI - M.Cheli - R.P.
7 - TORNADO DEL PINO C - M.Di Muro



L'arrivo del Gran Premio DUOMO 2018

Lo straordinario Urlo dei Venti con il record della corsa e della pista riscrive in 1.10.5 la storia

Dicembre 2018
  • Lu
  • Ma
  • Me
  • Gi
  • Ve
  • Sa
  • Do
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Pacha Dei Greppi