Il primo della classe per Amario è Superbo Capar, con un meritatissimo 9

Regione Sicilia , il Re di Sicilia SUPERBO CAPAR si salva dal finish della Reginetta TUSCANIA PAL, la pagella di Mario Alderici-Vendo Puledri.


di Mario “Amario” Alderici
Piace la Sicilia ai toscani Superbo Capar e Beppe Lombardo (per altro nato a Palermo) che bissano il successo dell’anno scorso. Poker di successi nel Regione Sicilia sia per Beppe (che eguaglia in vetta all’albo d’oro il “Morino” Anselmo Fontanesi) sia per la Bellosguardo di Cesare Meli che prima dell’uno due di Superbo erano riusciti nella doppietta consecutiva con Illinois. Ottava classica per Superbo che, dopo il Repubblica nel quale si era scatenato nel primo giro in un pazzesco 55.7 e il Grassi nel quale aveva sbagliato nell’odiata seconda fila, stavolta è riuscito a farsi un minimo graduare nell’amato percorso in avanti. Con il numero in corda ha preso partenza lanciata (appiedato Beppe Lombardo) restando però un po’ troppo discosto dall’autostart, Tina Turner avrebbe avuto la possibilità di chiudergli lo spazio ma ha fatto una difesa, il tempo occorrente a Superbo per mettere subito dopo lo stacco i piedini di dentro, Di Stefano correttamente è rimasto su e Tina si è vista rientrare Superbo che ha volato il lancio addirittura in 12.9 (da 1.04.5) per rientrare a Tina Turner costretta ad adeguarsi nella sua scia. Dopo il quarto iniziale in 27.4 il gruppo alle spalle del leader si è disposto in fila indiana con Tina Turner avanti a Tuscania Pal, Rocco Grif, Tu Sei Tu Bigi, Sereno Op e in coda Sabaudo Luis. Beppe Lombardo a spalle indietro è riuscito a frenare gli ardori di Superbo, così quando ai 600 ha mosso allo scoperto Tuscania ha allungato con un paletto dai 600 ai 400 in 13.6 (da 1.08) nel quale ha preso due lunghezze di margine alla coppia Tina -Tuscania. Quarto precedente l’arrivo in 28 secco (da 1.10) poi in retta Superbo è arrivato un po’ lungo ed è finita forte Tuscania Pal che lo ha avvicinato concludendo a mezza lunghezza dal vincitore. 1.12.2 la media finale di entrambi, per Superbo seconda parte di gara in 57.3 e 600 finali in 42.6, 42 scarsi per un’eccezionale Tuscania che in quella parte ha saputo addirittura recuperare una lunghezza e mezza al leader e che ha il rammarico di non aver avuto numero interno rispetto a Tina Turner, dato che da seconda in corda il risultato avrebbe potuto essere diverso . Una categoria sotto gli altri con Tina che ha difeso nettamente il terzo dal buon finish di Sabaudo.




SUPERBO CAPAR - Prende partenza lanciata (anche troppo … appiedato Beppe Lombardo), riesce ad attuare l’amato percorso in avanti con lancio in 12.9, dopo il quarto iniziale in 27.4 stavolta si lascia un po’ graduare, allunga nel quarto precedente l’arrivo in 28, finisce un filo lungo ma difende mezza lunghezza di vantaggio. Ottavo successo classico, 1.12.2 la media, 57.3 la seconda parte di gara, 42.6 i 600 finali. Voto: 9


TUSCANIA PAL - Al top della forma, terza in corda, si scopre ai 600 conclusivi e finisce forte, nella seconda parte di gara di Superbo in 57.3 gli recupera una lunghezza e mezzo con 600 finali in 42 scarsi; ottima seconda al proprio record di 1.12.2. Voto: 9


SABAUDO LUIS - In coda, finisce bene. Voto: 7


TINA TURNER - Si profila in vantaggio (allo stacco poteva anche scendere in corda ma ha fatto una difesa) nel lancio in 12.9 ma Superbo le rientra, ripiega nella sua scia, perde leggermente contatto nella seconda parte di gara in 57.3. Voto: 6,5


ROCCO GRIF - Quarto in corda, resta in quota. Voto: 6


SERENO OP - Nelle retrovie in corda, non avanza. Voto: 5,5


TU SEI TU BIGI - Con il numero esterno si ritrae prima del via, nel gruppo in corda, muove ai 600, cala in retta. Voto: 5


Il primo della classe per Amario è Superbo Capar, con un meritatissimo 9

Novembre 2017
  • Lu
  • Ma
  • Me
  • Gi
  • Ve
  • Sa
  • Do
  •  
  •  
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30

Locandina Palio 2017